L'opinionista diciottino 

a cura di 

Antonio Guidi


 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Nella conferenza stampa in vista di Latina-Trapani Vivarini ha ribadito le caratteristiche che deve avere la sua squadra, duttilità tattica, un modulo, il suo 3-5-2 che in fase di possesso diviene 4-4-2.
A Cesena divenne un 3-4-3 offensivo nel finale di partita.
Quasi costretto al rientro forzato Dellafiore, al fianco di Bruscagin e della bella sorpresa Coppolaro.
Linea di centrocampo che dovrebbe confermare il bene fatto dal giovane Rocca, al fianco di De Vitis e D'Urso.
Potrebbe farne le spese Mariga, che, comunque, si gioca il posto con Rocca.
Il rientro di Scaglia "rompe" gli equilibri, non penso Vivarini lo schieri esterno di centrocampo, dove l'ex bresciano perde tanto in termini di qualità.
Acosty molto probabilmente sarà confermato esterno dei 5, dove, con il campo libero sulla fascia, può fare la differenza, come visto a Cesena con l'ottima prestazione, condita da due assist vincenti.
Allora un'idea, del tutto personale, ce l'ho.
Scaglia libero di agire al fianco dell'unica punta di ruolo Paponi.
Latina-Trapani, per la prima vittoria della stagione!

 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Cesena-Latina, partita importante, che Vivarini giocherà a viso aperto, come dichiarato nella conferenza stampa prepartita.
Il tecnico ha sottolineato che il "suo" Latina sino ad oggi ha concesso troppo per errori propri, nelle ripartenze avversarie.
Per questo hanno lavorato molto in settimana su queste situazioni e il tecnico abruzzese non teme assolutamente le voci che circolano sulla sua panchina poiché è convinto che i risultati arriveranno, alla luce di un Latina che inizia a giocare meglio, con un campionato molto lungo ed equilibrato.
A Cesena il Latina avrà la coperta corta in difesa.
Assenze forzate di Dellafiore, al quale si è aggiunto Garcia Tena.
Nonostante le assenze sarà un 3-5-2 con Coppolaro a supporto di Brosco e Bruscagin.
Esterni alti Acosty a destra e Di Matteo a sinistra.
Ha ribadito che ci sarà un centrocampo di "corsa", il che sa di bocciatura peri Moretti.
I 3 centrali in mezzo al campo saranno De Vitis, D'Urso e Mariga.
Avanti probabili titolari Boakye e Paponi, con Corvia che scalpita e Vivarini in cerca di punte che gli garantiscano il gioco da lui voluto da parte dei finalizzatori .
Vedremo una caratteristica chiara nel modo di affrontare la partita dell'allenatore, con una squadra schierata, all'esigenza con un centrale difensivo che diventa di supporto al centrocampo e viceversa, come da grafica.
Assente ancora Scaglia, che sconta l’ultimo turno di squalifica, la sorpresa potrebbe essere il ritorno in campo di Bandinelli o dello stesso Rocca, anche a partita in corso.
Il Cesena riavrà l’ex Laribi disponibile a centrocampo e farà leva sulla capacità realizzativa di Djuric e sulla forza degli esterni, dove probabilmente verrà decisa la partita.
Avanti leoni!nero blu

l'opinionista diciottino Antonio Guidi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Novara-Latina

Primo turno infrasettimanale della stagione. Il Latina arriva al Piola con la consapevolezza di dover invertire la rotta. Il primo a capirlo e' l'allenatore abruzzese che, complici le assenze di Gilberto e Garcia Tena, opterà per un modulo differente da quel 3-5-2 che non sfrutta le qualità da esterno di Acosty e quelle di incursore di Scaglia.

Rientrato in gruppo D'Urso, gli undici in campo saranno schierati, probabilmente, con una difesa a 4, con Bruscagin e Di Matteo sugli esterni, di supporto a Brosco e Dellafiore.

A centrocampo, al fianco di De Vitis e D'Urso, se recuperato del tutto, agiranno Scaglia a destra, a piede invertito, con la garanzia della copertura di Bruscagin e Rocca o Pinato sulla corsia mancina.

Avanti ovvia la presenza del sempre temibile Acosty, affiancato da uno tra Paponi, Corvia o Boakye. Servono i 3 punti, serve fiducia nei propri mezzi.

Avanti Latina

La formazione de L'opinionista:

L'opinionista diciottino Antonio Guidi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Il Latina gioca la terza partita in casa di questo campionato, sesta partita di andata della serie cadetta.

Le prime due partite al Francioni hanno portato solo due punti, frutto di pareggi con La Spezia e Benevento.

Al Francioni arriva la Ternana dell'ex Di Gennaro tra i pali.Le fere arrivano con 6 punti in classifica, frutto di una vittoria, tre pareggi e una sconfitta.La squadra, mollata da da Panucci prima dell'inizio del campionato, è allenata da Benny Carbone e fa leva sulla classe di Faletti e le giocate di Avenatti.Poco importa, il Latina cerca la prima vittoria, con il rientro di Garcia Tena a garantire la difesa, al fianco di Brosco, complice l'infortunio di Dellafiore, rimediato nel secondo tempo di Novara. Nel 4-4-2 agiranno Bruscagin a destra e Di Matteo a sinistra, con Pinato pronto a giocarsi il posto con l'esterno ex Lanciano.A centrocampo, confermati De Vitis, D'Urso e Mariga, Vivarini può optare per Moretti centrale come quarto, oppure schierare Rocca o lo stesso Pinato esterno alto a sinistra.Avanti la coppia Ghanese Acosty-Boakye, con probabile panchina per Paponi, complice il turnover per il turno infrasettimanale.

 Il Francioni ci aspetta

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Quella di domani sarà una partita importante per capire che annata vivremo con il nostro Latina. Fondamentale soprattutto per Vivarini, che non molla il suo modulo, quel 3-5-2 che smorza, riduce, frena, le potenzialità dei nostri due gioielli, Scaglia e Acosty. Qualche novità ci sarà, quasi sicuramente a centrocampo. In porta Pinsoglio. Linea difensiva confermata, con l'auspicio che Garcia Tena lasci da parte le disattenzioni difensive viste in campo sino ad oggi. A centrocampo, nella linea a 5, sulla sinistra dovrebbe prendere il posto da titolare Di Matteo e tra i tre centrali quasi sicuramente sarà Mariga a lasciare spazio a Scaglia mezzala, in un ruolo a lui più consono alle sue caratteristiche, con al fianco D'Urso e De Vitis. Un centrocampo "leggero" ma pieno di qualità. A destra confermato Gilberto. Avanti il tecnico potrebbe cercare di puntare più sulla velocità, dando spazio, al fianco di Acosty alla ancora meteora Boakye. Il Benevento non e' squadra facile da affrontare, vista la capacità di fare delle ripartenze in velocità la propria forza. Dai Latina, rialzati

L'opinionista diciottino Antonio Guidi

 

Joomla SEF URLs by Artio